Archive for February 25th, 2007

Riunione del 21 febbraio

Sunday, February 25th, 2007

Ciao a tutti,
devo dire che mercoledì considerando i nostri soliti numeri è stato un successone, considerando anche il poco preavviso con cui ci eravamo annunciati.Segno dunque che, per fortuna, l’argomento sta a cuore a molti e che non dobbiamo cedere. Vi invio il verbale come allegato, gentilmente scritto dalla sig.ra Panerai che non mi stancherò mai di ringraziare, proverò anche ad inserirlo sul blog ma non garantisco!!!
Ho pensato di aspettare la prossima settimana prima di presentare la lista della commissione mensa delle elementari, dal momento che poi sembra difficile rimetterci le mani – cioè aggiungere persone – e non vorrei che facendo troppo in fretta lasciamo fuori qualche interessato…… quindi presenterò i nominativi lunedì 5 marzo.
Vi aggiornerò sul risultato della riunione del CdC.
Un’ultima cosa, a causa della dieta che sto facendo sono abbastanza irascibile…ed è per questo che ieri all’ennesima mancanza di educazione nei confronti di un genitore da parte di una custode mi sono recata dalla segretaria amministrativa e dirigente del personale ATA – Sig.ra Maturi, personaggio singolare ma efficente e preparato – a spiegarle come se gli operatori si comportano da barrocciai, con o senza ragione poco importa – non si può poi pretendere niente da nessuno.
Anche lei, dandomi ragione, a rimandato l’argomento al Consiglio.
Nel frattempo però chiederei la cortesia a tutti voi di segnalare sempre il cattivo comportamento, mancanza di educazione, non presenza ingiustificata…tutti segnali di un’anarchia che non è buona base di regola, di chiunque all’interno della scuola.
Se dev’essere luogo d’educazione dei bambini anche chi lavora nella struttura non si può comportare come un pescivendolo!
Grazie
Francesca

Allegato: verbale21-febr07.doc

In vista del cdc

Sunday, February 25th, 2007

Carissimi,
invio quest’allegato a tutti per mettervi al corrente di quali siano i problemi da affrontare durante il cdc.
Mi scuso con il Presidente se non ho potuto informarlo prima, ma dovevo prima confrontarmi con le persone che rappresento.
Di fatto, quello che in sede di consiglio vorremmo ottenere è semplicemente un incontro con gli insegnanti per vedere dove possiamo piantare i paletti, tutta la storia serve solo a far capire come siamo arrivati fin qui……..
Ringrazio tutti,
Francesca

Allegato: genitori-richieste-feb.doc

[da un commento di alessandromasi1]

Sunday, February 25th, 2007

Ciao a tutti. Sono Alessandro Masi ed ho una figlia Martina in 4D, ho letto con interesse tutto quanto è stato scritto sull’ attuale situazione della Carducci e mi fa molto piacere che se ne parli. Da quello che ho letto vedo che più o meno siamo tutti quanti sulla stessa lunghezza d’onda, però una volta capito il problema è trovare il modo di risolverlo. Potrei stare a scrivere per giorni e credo che alla fine se tornerebbe sempre al punto di partenza. Purtroppo come in molte altre situazioni del ns vivere quotidiano quello che fondamentalmente manca è l’applicabilitò delle regole. Non è infatti vero che le regole non ci sono, il probleme è quando, come e chi deve farle rispettare. Tutti noi genitori abbiamo sicuramente delle colpe nell’educare i ns figli, nessuno può essere perfetto, però questa scuola elementare, che dovrebbe essere la base della formazione culturale ed educativa di un bambino, non solo non assolve questo ruolo ma talvolta danneggia anche quello che faticosamente un genitore cerca di fare affinchè il proprio figlio impari a vivere nel rispetto delle regole. Se vogliamo uscire da questa situazione dobbiamo essere prima di tutto chiari con il corpo insegnante e spingere le maestre ad essere più severe e soprattutto accettare le eventuali punizioni che dovessero infliggere ai ns figli. Tutti noi sappiamo chi all’interno della classe è diciamo più vivace o meno tranquillo di un altro, però sappiamo anche che in linea di massima se la cavano sempre con una sgridatina od al massimo con qualche ora passata fuori della classe, cosa che talvolta per loro può essere anche + piacevole. E allora che facciamo!!! Semplice basterebbe che le maestre una volta fatti tutti i tentativi possibili per ottenere ubbidienza, anche invitando i genitori a presentarsi a scuola, sospendessero il/la furbetto/a di turno per qualche giorno. Oppure nel caso di episodi legati alla ricreazione, vedi giardino, obbligassero l’alunno/a a restarsene da solo in classe per il tempo necessario. Non solo questo servirebbe da deterrente per il silgolo/a ma servirebbe di monito anche agli altri. Se non riusciamo ad eliminare questi problemini adesso e se non riusciamo ad educare i ns figli oggi, domani saremo a discutere di questioni molto + serie di queste. Forse vi sembrerò troppo rigido ma purtroppo un giro di vite si rende necessario quando la situazione sfugge di mano e se noi tutti ci ritroviamo a discutere appassionatamente di questi problemi non sarà certamente un caso. Non voglio essere stancante e vi saluto.